Computational design
Il progetto computazionale in architettura e design
I Edizione
30 gennaio 2020

Settori
 
Nel tempo, molte discipline consolidate hanno iniziato ad utilizzare in modo intensivo gli strumenti e i metodi propri della scienza computazionale, rivisitando e riformulando problemi e soluzioni prima non affrontabili per la loro complessità.
 
Questo ha altresì consentito di esplorare nuovi territori della conoscenza, in cui diverse aree di studio condividono, in termini multidisciplinari, l’uso dei metodi e degli strumenti computazionali come carattere fondante. Il Computational Design, in tale contesto, è quell’area di studi multidisciplinare che, in termini generali, può essere definita come l'applicazione di strategie computazionali al processo progettuale per governare una complessità di articolazioni, sia come insieme di strutture e relazioni sia per la mole dei dati generati, ed il cui aspetto rilevante attiene alla natura logica creativa e non alla mera componente strumentale del “calcolo”. Dall’idea alla realizzazione, il Computational Design struttura la progettazione nella ridefinizione della relazione tra artefatto e contesto, materia e fabbricazione, identificandosi come un’area di sperimentazione multidisciplinare in cui l’utilizzo consapevole di strumenti e tecniche informatiche si traduce in procedure e regole per il progetto.

Obiettivi formativi e articolazione del corso

Il Corso è indirizzato a progettisti, professionisti, studenti e laureati in Architettura, Ingegneria, Arte e Design, che intendono acquisire i principi base della modellazione algoritmica e apprendere gli strumenti teorici propri del Computational Design.

Obiettivo del corso è quello di fornire ai partecipanti le basi logiche e applicative del Computational Design, nella relazione tra i principi fondanti la scienza computazionale e gli aspetti della ricerca progettuale. Nello specifico: i) sviluppare le competenze fondamentali delle strategie computazionali, dalla formulazione di algoritmi al loro sviluppo nei principali linguaggi, tecniche, strumenti e piattaforme di programmazione (Processing, Grasshopper, Firefly, Arduino); ii) acquisire le basi della modellazione algoritmica; iii) sperimentare il concetto di sistema interattivo/responsivo su un prototipo di studio. A tal fine, la struttura didattica del corso si articolerà su due livelli, un corso base e un corso avanzato: il primo tratterà gli strumenti e le tecniche del progetto computazione, con organizzazione della didattica in moduli frontali tra loro in relazione, con esercizi e sperimentazioni; il secondo, di approfondimento e applicazione progettuale, tratterà gli aspetti delle interfacce e delle strategie di interazione, cui seguirà un workshop per lo sviluppo di un prototipo-istallazione di natura
responsiva/interattiva.

Profilo professionale in uscita

 
Il corso intende formare una figura di progettista in ambito Architettura, Ingegneria, Arte e Design, con specifiche competenze nello sviluppo e implementazione di algoritmi e applicazioni a supporto della progettazione, per l’analisi e la risoluzione di problemi di natura:
  • formale, nel controllo e nello sviluppo dei codici di elaborazione del progetto;
  • funzionale, nell’adozione di processi e tecnologie progettuali capaci di interazione con un contesto di riferimento;
  • produttiva, nel rapporto diretto tra un modello digitale e la sua fabbricazione.
 
 

Vuoi saperne di più?

Computational design

 

Costo

corso BASE: 1500,00 € + IVA – corso AVANZATO: 800,00 € + IVA

Obiettivi formativi
  • acquisire i principi base della modellazione algoritmica
  • apprendere gli strumenti teorici
Durata
Data inizio attività: 30/01/2020
Data fine attività:10/04/2020
Durata in giorni: 25 (18 giorni per il corso BASE  +  7 giorni per il corso AVANZATO)
Sede

Il Corso si svolgerà presso POLI.design, via Durando 38/a

Vuoi saperne di più? Richiedi informazioni

SOCI
PARTNER
SOCIAL