Urban Interior Design
Public Living Spaces in Contemporary Cities
IV Edizione
Novembre 2018
Settori

[MUID] Il Master in Urban Interior Design è un programma dedicato allo sviluppo di nuove prospettive su spazi pubblici nelle città contemporanee attraverso teoria, ricerca, progettazione e formazione pratica. Si propone la sfida di prestare attenzione agli spazi di cucitura tra gli elementi in una città, agli spazi aperti, ai luoghi simbolici in cui la collettività si riconosce.

[MUID] lavora sul valore della qualità dello spazio pubblico nella vita di donne e uomini, la cui qualità trasmette la profondità culturale della comunità che lo ha creato. Viviamo in città e sistemi di città. Da soli, con molti altri. Siamo pedoni, automobilisti, cittadini, turisti, abitanti, stranieri, utenti inaspettati. Viviamo un momento di crescita urbana e demografica senza precedenti. Abbiamo davanti a noi la sfida di dare forma concreta a quegli spazi complessi che ospitano le nuove esigenze collettive e che ci offrono molteplici opportunità d’uso.

[MUID] forma Designer degli interni urbani, il professionista che si concentra su aree non costruite come piazze, strade, parchi, rotatorie e altri vuoti urbani non definiti, prendendone in considerazione sia il contenitore (la forma costruita) che il contenuto (gli usi, anche temporanei). Il Design di interni urbani richiede un approccio complesso allo spazio pubblico, dalla sua configurazione urbana al suo ruolo nella vita civile, dai processi partecipati ai processi d’uso che vi si instaurano. Il Designer di interni urbani è capace di "progettare il vuoto" ma anche di "progettare in un vuoto". Nel primo caso si progetta la struttura spaziale urbana che dà forma e senso alla città. Nel secondo caso, lo spazio pubblico è sviluppato e messo a confronto con le esigenze delle persone e con la natura stratificata che caratterizza la nostra vita collettiva.

[MUID] è un innovativo Master basato sulla millenaria tradizione dello spazio pubblico sviluppata in Italia e in Europa e che oggi si nutre di quella cultura che ha reso Milano una riconosciuta capitale del design al mondo. Costituisce un'opportunità per migliorare specifiche competenze professionali in un contesto accademico e professionale di alto livello e permette di fare esperienza diretta di spazi urbani, storici e contemporanei, densi di progettualità, socialità e significati simbolici.

[MUID] in particolare affronta la complessità degli interni urbani contemporanei indagando 5 ambiti di progetto:

* Contemporary urban interior: design and semantic. È l’ambito del progetto dello spazio urbano in senso più stretto, e riguarda tutti gli ambiti outdoor e pubblici: è il progetto delle piazze, dei luoghi di incontro e simbolici, ma anche degli interstizi, degli spazi verdi, degli spazi semi-pubblici.

* Public space and social engagement: processes and actions. È l’ambito dei processi propedeutici al progetto, volti a coinvolgere i molteplici stakeholders con strumenti e approcci human (o community)-centered design. È anche l’ambito dei progetti che disegnano nuove forme e nuove modalità di relazione tra gli utenti e tra gli utenti e lo spazio.

* Equipment and furniture, materials and technologies. È l’ambito degli aspetti materiali che costruiscono lo spazio, ma anche delle componenti tecnologiche che ne strutturano l’interazione. È indirizzato alla valorizzazione delle componenti percettive e sensoriali dello spazio, in un’ottica di sostenibilità ambientale e sociale.

* Communication, identity and territory: city branding and narrative design. È l’ambito del progetto che si interfaccia con una scala territoriale ovvero con l’identità e i patrimoni materiali e immateriali dei luoghi, con un approccio strategico e sistemico.

* Events and temporary settings: È l’ambito del progetto di dispositivi effimeri per lo svolgersi di attività temporanee nello spazio urbano, quali eventi collettivi di carattere comunicativo, espositivo, celebrativo, culturale.

 

[MUID] mette a disposizione l'esperienza di una faculty composta da architetti, intellettuali, designer e professionisti dei media in un rapporto di creatività interdisciplinare. L'Urban Interior Designer entra nel mercato con competenze specifiche, acquisite attraverso un processo di istruzione superiore, pronto a unire le conoscenze proprie di architetti, designer, interior designer e operatori d'arte. Un professionista il cui talento è sempre più legato alla capacità di offrire spazi accoglienti, significativi di per sè e adatti a scopi diversi, molti dei quali ancora imprevedibili.

 

SBOCCHI PROFESSIONALI

Il programma permette agli studenti di qualificarsi per operare nel settore privato e pubblico, sia come consulenti liberi professionisti che come integrati in organizzazioni complesse come ad esempio:

  • studi di architettura, società di ingegneria, società di progettazione di infrastrutture urbane.
  • aziende operanti nell’ambito della produzione di materiali, arredi, attrezzature destinati agli spazi esterni.  
  • agenzie operanti nella elaborazione di strategie rivolte alla comunicazione e al marketing urbano.
  • agenzie operanti nel settore della valorizzazione culturale o organizzazione di eventi.
  • imprese operanti nella riqualificazione e valorizzazione delle aree industriali terziarie e commerciali dismesse.
  • amministrazioni pubbliche nel ruolo di responsabili del settore lavori pubblici e arredo urbano
  • associazioni e organizzazioni no profit che operano a livello internazionale nei processi di riqualificazione urbana o in contesti in via di sviluppo.

 

TITOLO RILASCIATO

Al termine del corso, al superamento dell’esame finale verrà rilasciato il diploma di Master universitario di I livello in “URBAN INTERIOR DESIGN. PUBLIC LIVING SPACES IN CONTEMPORARY CITIES” del Politecnico di Milano.L'esame finale consisterà nella presentazione e discussione di un elaborato svolto durante il corso di Master.Il Master rilascia 60 CFU, equivalenti a 60 ECTS.Ad avvenuto conseguimento del titolo, previa comunicazione secondo le modalità stabilite dall’Ordine Territoriale di appartenenza e il successivo riscontro da parte del medesimo, il partecipante potrà ottenere un numero di CFP pari a quelli stabiliti dai Regolamenti in essere, riportati di seguito a titolo informativo:

  • 30 CFP annui (CNI) 
  • 15 CFP annui (CNAPPC) 

 

Vuoi saperne di più?

 

Ufficio Formazione

POLI.design 
Via Durando 38/a Milano
Tel. +39 02 2399 5864
Tel. +39 02 2399 5911
Tel. +39 02 2399 7208
Fax +39 02 2399 5970

formazione@polidesign.net

Per le procedure di iscrizione:

iscrizioni@polidesign.net

Vuoi saperne di più? Richiedi informazioni

SOCI

NETWORK

polidpolid


  • 

PARTNER
SOCIAL